Senza categoria

Sono ancora vivo!

Per quei pochi che mi seguono, lo so che non è uscito il solito articolo del venerdì la settimana scorsa e purtroppo non uscirà nemmeno questa a causa di impegni e problemi vari che sto avendo in questo periodo.

Nel frattempo, però, sto pensando a nuovi argomenti che vorrei trattare insieme alle recensioni di serie tv e film. Ho visto che molti di voi hanno gradito gli articoli generali sullo storytelling, quindi almeno un articolo al mese del genere penso che lo farò fino a quando non esaurirò gli argomenti. In generale mi limito a spiegare le cose più basilari e terra terra per non annoiarvi troppo e risultare pedante.

Vorrei anche cambiare un po’ la gestione di Facebook e Instagram, magari tentare di fare qualcosa di più originale e unico. Vedremo se riesco a tirare fuori qualcosa di interessante dal cilindro. Fino a quel momento non posterò nulla nemmeno sui social.

Sono abbastanza sicuro che la prossima settimana riuscirò a pubblicare qualcosa qui sul blog. O almeno lo spero.

Ok, dopo questo pippone, non mi resta che salutarvi tutti con la speranza di sentirci la prossima settimana!

Annunci
film, romanzo · genere · genere fantasy · sceneggiatura · storytelling

Perché Twilight non è un fantasy e Death Note sì

Anni fa quando ci fu il boom dei romanzi e dei film di Twilight la gente discuteva o meno se considerarle opere fantasy oppure no. Alla fine venne creato il genere paranormal romance, una specie di romanzo rosa con elementi paranormali/fantasy… praticamente un sotto-sottogenere del fantasy.
Continue reading “Perché Twilight non è un fantasy e Death Note sì”

comicità · commedia · sceneggiatura · storytelling

Comicità: perché la violenza e il dolore vanno bene ma il sangue no

Immaginate la scena de Il Secondo Tragico Fantozzi in cui Fantozzi mangia il pomodorino freddo all’esterno e caldissimo all’interno. Quando torna dal laghetto in cui ha sputato il pomodorino, ci viene mostrata la sua lingua che è diventata lunghissima, gonfia e un po’ bruciacchiata.

E ovviamente noi ridiamo quando la vediamo.
Continue reading “Comicità: perché la violenza e il dolore vanno bene ma il sangue no”

sceneggiatura · serie tv · storytelling

BoJack Horseman: perché la mancanza di empatia per BoJack non è un problema

L’altro giorno ho detto a un’amica che avevo iniziato da poco la visione della prima stagione di BoJack Horseman, la serie tv di Netflix sul cavallo parlante che è stato una star di Hollywood negli anni novanta e che non è riuscito a mantenere la sua fama e nel presente vive di rendita e in depressione in un mondo popolato da animali antropomorfi ed esseri umani.
Continue reading “BoJack Horseman: perché la mancanza di empatia per BoJack non è un problema”